29 luglio 2014

Refashion!


Bentrovate!
L’argomento di oggi è… il REFASHION! Yessss… reinventare vecchi abiti abbandonati nell'armadio e dar loro una nuova vita, una bella sfida per noi sew addicted. A spingerci sarà la curiosità di vedere cosa “viene fuori”, la voglia di stupirsi e di stupire, la necessità di riutilizzare tessuti o l’affetto verso una coperta di linus che non si vuole proprio abbandonare? Sta di fatto che il refashion è argomento ampiamente trattato e ultimamente anche di estrema moda!
Come sapete, mi sono già cimentata in diversi progetti:
Oggi però voglio mostrarvi il refashion di una camicia da uomo e spiegarvi come ho fatto.



Ecco la base di partenza, una normale camicia in cotone a righe, taglia XL.

Per prima cosa, ho tagliato via il colletto e le maniche.
 
L’ho quindi accorciata…

 
… e ripresa sui fianchi per stringerla. L'ho quindi cucita e rifinita.
 
Dalla stoffa che ho ottenuto accorciando la camicia ho ricavato le maniche, mantenendo la curvatura dell’orlo originale.
 
Ho quindi cucito le mezze lune allo scalfo delle maniche, rifinito il tutto con la taglia cuci e ripassato la cucitura  con filo elastico.
 
Dalla stoffa delle maniche originali, ho ricavato lo sbieco per la finitura dello scollo.
Ho creato la prima asola (quella vecchia era stata tagliata via con il collo) e aggiunto un nuovo bottone in contrasto. Il resto dell’abbottonatura è originale.
Dietro, ho segnato la vita con cuciture di filo elastico, per renderla un po’ più femminile.
Ed infine, ecco il refashion finito con successo!
 


 
Che ve ne pare?
Si accettano suggerimenti e miglioramenti….ho già recuperato un’altra camicia per un nuovo refashion… J

Ciaooooo,
Sara



15 luglio 2014

Balze, pizzo & fru fru

Ho delle balze, dammi un pezzetto di pizzo e solleverò la terra...mmm mi sa che Archimede non disse proprio così... ma io si! e chiudo con un laconico "mi vestirò, costi quel che costi"! è quello che ho pensato quando mi è stato regalato lo scampolo bianco stretch a balze che vedete qui sotto. Non era molto, ma utilizzato fino all'ultimo centimetro, mi ha dato grande soddisfazione...
Un abitino fru fru, lo ammetto, ma con opportuna abbronzatura fa la sua figura...



 
Particolare della finitura interna dello scollo, con sbieco sottile per notarsi il meno possibile.

 



Bianco per bianco...vi saluto con il dolce di un frutto dalla bianca polpa....il cocco.

Ingredienti
  • 180 gr di farina di cocco
  • 120 gr di zucchero a velo
  • 2 albumi
Mescolate in una ciotola la farina di cocco, gli albumi e lo zucchero a velo. Con una sac à poche o con un cucchiaio, creare con il composto delle palline su una teglia ricoperta di carta forno.
Infornare per 5 minuti a 210° in modalità ventilata: sfornate e lasciate riposare.


 
Buona merenda!!
Ciaooooo,
Sara

8 luglio 2014

Sotto sotto....

Mi sono chiesta...perchè occuparsi solo del "sopra" dimenticando il "sotto"??! potrebbe essere divertente cimentarsi con la lingerie ...
Come vedrete dalle foto, non è proprio la lingerie dell'immaginario collettivo fatta di pizzi e tessuti preziosi ... quella la lascio fare a chi è capace e decisamente più bravo di me. Il dado però ormai era tratto! Mi sono data allora alla ricerca di un cartamodello bell'e pronto, nonostante sul mio libro di modellistica sia spiegato molto bene come disegnarlo... ma non avevo proprio voglia di cimentarmi... :-P  L'ho scovato sul blog di una ragazza americana scaricabile gratuitamente.
Si parte! Acquisto jersey in cotone e pizzo elastico, stampo e ritaglio il cartamodello, lo posiziono sulla stoffa, lo taglio, lo assemblo e....


 Ta daaaaaa...


Ci sono un paio di migliorie da fare ma il prototipo è riuscito anche meglio di quanto mi aspettassi!



Ho già pronto anche lo slogan...
 
SARtoriA di Sara
veste a 360°
 
 
Ahahahahhaa
Sara 
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...