27 giugno 2014

Mare....aspettami!

Si avvicinano le ferie...non possiamo farci trovare impreparati! sarebbe un peccato dover correre ai ripari all'ultimo momento, magari con sessioni intensive di shopping pre-vacanziero con mariti al seguito che sbuffano e fanno la sauna in auto roventi...
Naaaaa, mi sono attrezzata per tempo!
Materiale necessario: un paio di pezze in jersey, due spugne e nastro in cotone.
Risultato: due copricostumi coloratissimi e due spugne mare.
Per i due copricostumi, mi sono cimentata con il filo elastico, nonostante in passato abbia avuto un risultato deludente.
Come spesso accade, il web mi è stato di grande aiuto e, diminuita la tensione della bobina e aumentata la lunghezza del punto, ho inziato a cucire file parallele...una, due, tre, quattro...non finivano più! Al contrario il filo elastico finiva, eccome... quindi... ricarica la bobina e via, ancora cuciture parallele....




Questa è una versione con divagazione: meno cuciture elastiche e spalline in gros grain



E le due spugne? eccoci!
Ho comprato due pezzi di spugna da utilizzare come teli mare e li ho profilati con un nastro in cotone alto 5 centrimetri e lungo....10 metri.
Come prima cosa, ho stirato tutto il nastro, l'ho poi bloccato in posizione con gli spilli e quindi l'ho cucito. Facile, no?






Qui trovate altri lavori che ho fatto e che sono adatti al mare: due caftani freschi e svolazzanti...e cappello con pantaloni beach style.

Ciaooooo,
Sara



18 giugno 2014

Vai di drape drape...


Navigando, ho scoperto essere uno dei modelli più apprezzati e replicati di Hisako Sato, nonostante il libro sia disponibile solo in inglese o in giapponese. In effetti, bastano le immagini del libro per capire come posizionare sulla stoffa il grandissimo cartamodello...ed è semplice anche la realizzazione. 
Sto parlando del modello n. 2 drape top del libro DrapeDrape 2 di Hisako Sato.

Ho realizzato l'abito in due tessuti differenti: nel canonico jersey e in seta...e ho scoperto perchè solitamente si realizza in jersey... ;-P ...per i curiosi vedi più sotto...
L'effetto rende in entrambi i tessuti: la seta è più frusciante e ricercata, in jersey rimane più easy.
  

Nel modello in jersey, ho aggiunto delle manichine corte morbide...


... e un motivo applicato sullo scollo.



Ho invece lasciato il modello in seta come l'originale senza maniche e l'ho profilato in contrasto. 

Se vi state chiedendo il perchè della mia scoperta....è tutto in queste due foto:
Ps. si, per i cartamodelli utilizzo carta da riciclo in A0... è enorme e non si rompe facilmente come la solita velina ma è facile trovare pezzi di progetti...

 

L'avete capito?
Ve lo spiego....siccome il cartamodello è posizionato in sbieco sulla stoffa, questa viene ovviamente tagliata in sbieco. Si cuciono i normalmente i fianchi e la sorpresa sono gli scalfi delle maniche che, essendo in sbieco, si allungano anche di 6/7 centimetri, rendendo l'abito davvero inguardabile!!!
Con pazienza, allora, ho ripreso gli scalfi ed evitando di fare grinze o antiestetiche arricciature, li ho riportati a più miti consigli!
Non so se lo rifarò in seta....



Ciaooooo,
Sara

8 giugno 2014

Blusa in seta rifinita a mano

Ciao a tutte! Eccoci...oggi vi mostro la mia blusa in seta dalla stampa vagamente giappo. Il modello è sciancrato con lo scollo appena a barchetta le maniche scese.
Dalla foto i fiori sembrano blu ma in realtà sono viola...non ho proprio capito perchè...


Ho tagliato lo sbieco per le rifiniture con la stessa seta della camicia, l'ho cucito sul diritto e quindi l'ho imbastito in modo tale che rimanesse fermo.

Invece di cucirlo a macchina, ho preferito cucirlo a mano, per rendere la finitura più ricercata. Probabilmente nessuno se n'è accorto...ma lo io so e mi basta... :-)
Per una bella finitura (anche se non si vede...!)  punti devono essere regolari e avere la stessa distanza l'uno dall'altro.... non è difficile ma nemmeno semplicissimo: ci vuole pratica e occhio e tanta pazienza....
L'ago deve essere sottile ed essere appuntito, altrimenti si rischia di tirare i fili della seta. Io ho usato un filo in cotone ma si poteva utilizzare un filo di seta, rimaneva più lucido.
Ps. Quando cucite la seta, controllate anche l'ago della macchina da cucire! altrimenti si rischiate di tirare i fili e rovinare il tessuto. Alzi la mano chi non l'ha mai fatto! Deve essere di quelli Microtex per seta e tessuti in microfibra.  






Con i pantaloni neri o un jeans e il cardigan giallo che ho trovato da Zara, fa la sua figura....

Ciaooooo,
Sara
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...